ALC 11,8 % VOL  

LOT./ IMB. 2017

IMPERIAL MILK PORTER BOURBON BARREL AGED

 

Ho avuto la fortuna di visitare il birrificio Kane Brewing Company durante il mio viaggio nella east coast americana a ottobre di quest’anno, lasciandolo come una delle ultime tappe del mio itinerario. La struttura non è altro che un capannone di grandi dimensioni con sala cottura, bottaia, magazzino e shop tutti racchiusi nello stesso ambiente. La taproom, aperta al pubblico nei fine settimana, è ricavata in un angolo proprio accanto al grande impianto di cottura a 3 tini, e a fianco della bottaia. È un classico vedere lunghe file di beer-geeks attendere l’apertura dello shop per le release (solitamente IIPA o Imperial Stout) che il birrificio rilascia con regolarità. Le birre che maggiormente mi colpiscono di Michael Kane sono le Imperial Stout, alcune delle quali (vedi le ANTEAD) hanno raggiunto un livello di hype incredibile.

Oltre alla BBA Evening Bell son riuscito ad avere varie versioni della ANTEAD, la BBA Morning Bell, più diverse altre limited release come la 1192, 1190, Sunday & Mexican Brunch etc etc. Oggi ho stappato la bottiglia da 500 ml con gommalacca bianca, la “Campana Pomeridiana”, una Imperial Milk Porter da 11,8% maturata in botti di Bourbon per diversi (12?) mesi.

DEGUSTAZIONE

Adoro le Imperial Stout di Kane per la mano che i birrai usano nel realizzare queste massicce birre, nere come la notte e viscose come l’olio di un motore. Mi ha sempre colpito l’eleganza con cui si esprimono, con un mouthfeel così soffice e vellutato che pare una carezza alcolica…

La BBA Evening Bell già si fa sentire al momento di stappare la bottiglia; esprime un aroma così potente che al momento di versare la birra nel bicchiere già ho l’acquolina in bocca: non solo intensità, ma anche una grande pulizia che mi fa percepire chiaramente un tortino al cioccolato appena sfornato, un cioccolatino al latte affogato nel caffè espresso. Sullo sfondo si intravedono poderose le note del bourbon e del legno, con un accenno di vaniglia e (a birra scaldata) alcol. Man mano che il bouquet aromatico si apre, si avvertono più aggressive le note del bourbon e del legno che finiscono di comporre un dessert alcolico per bevitori golosi.

Si presenta nel bicchiere sormontata da un cappello di schiuma cremoso e magnificente, dalla grana finissima e un colore nocciola. Persistenza lunghissima e ottima aderenza al bicchiere. Molto invitante!

In bocca, neanche a dirlo, il mouthfeel è come previsto morbido e vellutato, con poche bollicine ad accompagnare le sorsate. Complice anche l’utilizzo del lattosio, il corpo risulta pieno e ricco; il gusto è dolce e pieno di cioccolato al latte, caffè espresso, zuccheri bruciati. Gli spigoli dati dal passaggio in botte vengono un po’ smorzati dal lattosio; il retrogusto vira tutto sul bourbon, protagonista indiscusso di questa bevuta. Rispetto alla Morning Bell sento meno complessità, la bevuta rimane soddisfacente e di altissimo livello ma risulta essere più “monodimensionale”. Accenni di vaniglia e cocco si fanno vivi sul finale, accanto a polvere di cacao e cioccolato al latte. Tostature dei malti quasi assenti. Non ho difficoltà a finire mezzo litro di questo nettare, l’alcol alla fine si fa sentire ma lascia un bel ricordo di sé e dispiace vedere il bicchiere vuoto. Grande interpretazione, Kane rimane uno dei miei punti di riferimento.

VALUTAZIONE SECONDO IL BJCP (assaggio del 09/11/2017)

AROMA:                                              11 /12

ESAME VISIVO:                                 3/3

GUSTO:                                               17/20

MOUTHFEEL:                                     4/5

IMPRESSIONI GENERALI:              9/10

TOTALE:                                              44/50