ALC 8,5 % VOL

LOT./ IMB. 12/01/2016

SCOTCH ALE – WEE HEAVY

“Cigar City”, ovvero la città dei sigari: Tampa è la soleggiata cittadina che si trova sulla costa ovest della Florida, sede del birrificio Cigar City Brewing (o CCB), apprezzato da molti beer-geeks e famoso per alcune birre di grande spessore e piuttosto rare in Europa (vedi la Hunahpu’s BB Imperial Stout).

La birra che ho tra le mani è la Big Sound Scotch Ale, versione base – ne fanno anche una passata in botte. E’ una Wee Heavy, vista la gradazione alcolica di 8,5%, che sul sito RateBeer risulta essere tra le top 50 nel mondo.

DEGUSTAZIONE

Verso nello snifter la Big Sound, che forma un cappello di schiuma color nocciola, non molto esuberante ma dalla texture fine; la tenuta è piuttosto corta, scompare in qualche decina di secondi lasciando scoperto un liquido denso, color marrone scuro che si lascia penetrare dalla luce, risultando limpido e pulito.

Al naso arrivano con buona intensità degli aromi fruttati che ricordano la nocciola, frutta essiccata, liquirizia e pane tostato, alcune note speziate che si confondono con la bruciatura degli zuccheri (melassa, miele di castagno), toffee: tutti aromi che vengono spazzati via da una sensazione alcolica sopra le righe, un po’ fuori posto visti gli ABV. Nessun aroma di luppolo presente.

Passando alla bevuta noto subito quello che il naso aveva promesso: la sensazione di alcol si fa bruciante, rovinando in parte la bevuta che comunque regala buone note di caramello, melassa, toffee e frutta secca (c’è armonia con l’olfatto); escono fuori anche delle note di caffè americano. Il finale di bevuta è lungo e -considerando lo stile delle Scotch Ale – un po’ troppo amaro. Il tostato dei malti salta fuori dopo diversi secondi, risultando un po’ slegato con il resto della bevuta. La Big Sound ha un corpo pieno ed una media carbonatazione; una leggera astringenza sul finale la rende piuttosto secca.

Manca un po’ di complessità secondo me, la bevuta già dopo mezzo bicchiere è monotona e monocorde. E’ una versione americana che si avvicina allo stile delle Wee Heavy, senza però centrarlo, in quanto mancano il carattere fruttato e la dolcezza tipici degli esempi anglosassoni.

VALUTAZIONE SECONDO IL BJCP (assaggio del 21/10/2016)

AROMA:                                              7/12

ESAME VISIVO:                                2/3

GUSTO:                                               12/20

MOUTHFEEL:                                3/5

IMPRESSIONI GENERALI:           6/10

TOTALE:                                             30/50